Un Albero della Vita nel corpo umano.

L’apparato respiratorio, un Albero della Vita nel corpo umano.

Mettiamoci comodi, chiudiamo gli occhi e... respiriamo profondamente....

Lentamente e dolcemente riempiamo bene d’aria i nostri polmoni inspirando, e - dopo un istante – lasciamo che l’aria esca liberamente dal nostro corpo espirando... Con questo semplice e naturale quanto fondamentale atto abbiamo dichiarato al mondo, e a noi stessi, la nostra esistenza. Respirando, abbiamo affermato la nostra individualità.

... respira.........

Fisiologicamente parlando, alla nascita, grazie ad una prima profonda inspirazione, i nostri polmoni – chioma dell’albero rovesciato con cui viene rappresentato il nostro apparato respiratorio – si strutturano per garantirci la Vita. Gli alveoli polmonari (l’unità respiratoria del polmone), ripiegati su loro stessi durante la Vita intrauterina, si aprono riempiendosi dell’aria di questa prima inspirazione e si mantengono tali per tutto il resto della nostra esistenza, garantendoci – come vere e proprie foglie di un albero – gli scambi gassosi tra l’aria e il sangue, indispensabili per la nostra sopravvivenza. Con il primo sonoro quanto esplosivo vagito, da neo-nati annunciamo la nostra esistenza, dichiarando al mondo intero: “ci sono”, “esisto”. E’ l’urlo che ci strappa all’assenza.

... respira.........

Al momento della nostra nascita, abbandoniamo il mondo acquatico della Vita intrauterina, per accedere al mondo aereo. In questa nuova dimensione extrauterina, l’aria rappresenta il nostro primo nutrimento vitale, una sorta di “latte cosmico” con cui ci nutriremo per tutta la nostra esistenza, grazie al respiro, il susseguirsi ininterrotto di inspirazioni (dalla prima, che ci apre alla Vita) e di espirazioni (fino all’ultima, che accompagnerà la nostra uscita dal mondo)

.... respira.........

Respirando, creiamo e manteniamo un continuo scambio tra il nostro mondo interno (microcosmo) e il mondo esterno (macrocosmo). Quali Individui facciamo parte di un Collettivo, di un Tutto, con il quale siamo in continua relazione. Ad ogni inspirazione, attraverso l’aria - sostanza impalpabile, invisibile, sottile ma pregna di tutto ciò che circonda - portiamo dentro di noi l’Universo, lo facciamo nostro, per poi, con l’espirazione, restituire ad esso parti di noi, contribuendo alla sua creazione.

... respira.........

Grazie al respiro, possiamo far ascoltare la nostra voce, unica e diversa da tutte quelle degli altri individui; osservando il respiro possiamo cogliere i movimenti della nostra – e degli altri - emotività (il respiro li anticipa); inspirando siamo in grado di cogliere la qualità emotiva ed affettiva dell’ambiente intorno a noi, possiamo riconoscere ad occhi chiusi ciò e chi ci circonda, percependo ii suo profumo, il suo odore, la sua essenza.

... respira.........

E’ chiaro e comprensibile da tutti che respirare sia la condizione primaria per vivere. Ma non dimentichiamo che il respiro non solo rende possibile la Vita. Consente l’esistenza, ma è anche l’essenza di tutto ciò che è animato.

Il respiro è la Vita.

per ulteriori informazioni sull'argomento:

Dottoressa Maria Ceriani

medico psicoterapeuta ​​ mob: +39 338 9393503

https://www.psicosomatica.it